Se Rita Paris, presidente della Associazione Bianchi Bandinelli, si dichiara pronta ad “organizzare una marcia verso la Sicilia per tutelare quello che è anche nostro”, un motivo ci sarà. La Sicilia ospita, infatti, un ricchissimo patrimonio archeologico che rappresenta un bene di interesse non solo regionale ma nazionale, anzi internazionale. Un bene minacciato da gravi […]

Continua a leggere... Sicilia, l’Assessorato ai beni culturali attenta al nostro patrimonio archeologico?

Avere grandi quantità di beni culturali “in giacenza nei depositi degli Istituti periferici” (notare il linguaggio da bottegaio che fa passare l’idea che i depositi museali della Regione siano solo polverosi magazzini) e non sapere che farne se non cederli in uso ai privati “per una durata dai due ai sette anni”, con possibilità di

Continua a leggere... Beni culturali in Sicilia: avere buone leggi e farne Carta (straccia) di Catania

del 23 December 2020 (di )

Soprintendenze, Parchi archeologici, musei, gallerie e biblioteche sono autorizzate a concedere in uso a privati, dietro pagamento, alcuni beni, tra cui quelli donati, confiscati, di più vecchia acquisizione per i quali sia stata smarrita la documentazione e, in generale, quelli “deprivati di ogni riferimento al loro contesto di appartenenza”. Questa la sintesi di un

Continua a leggere... La Sicilia e i beni culturali, privato è bello?

Dalle nostre parti fa notizia l’iniziativa di un folto gruppo di volontari che, sollecitati dal Gapa e coinvolgendo anche gli abitanti del quartiere, hanno ripulito un piccolo sito archeologico, frutto di uno scavo relativamente recente e conservato, sotto un struttura di acciaio e vetro, in un angolo di piazza s. Antonio, lungo la via Abate Ferrara, […]

Continua a leggere... Risorse archeologiche a Catania, una miniera non sfruttata

del 21 February 2013 (di )

Un articolo di P. Leocata dello scorso 13 febbraio dava notizia della soppressione dei parchi archeologici esistenti a Catania e provincia, suscitando un vespaio e scandalizzate dichiarazioni, con annesse interrogazioni parlamentari, di esponenti di centro, destra e sinistra. Al di là delle

Continua a leggere... La guerra dei parchi archeologici a Catania

del 18 December 2010 (di )

Dall’inizio di dicembre il patrimonio della Regione Sicilia si è impinguato di circa 140 beni demaniali: si tratta in prevalenza di beni archeologici e storico-artistici, ma anche di caserme e fari, trasferiti dallo Stato, anche se in alcuni casi già gestiti dalla Regione. L’elenco è abbastanza consistente e assolutamente prestigioso: c’è la Colombaia di Trapani, […]

Continua a leggere... Beni demaniali alla Regione, per farne cosa?