Si chiama Laura Salafia, ha 34 anni. Ieri mattina era felice perchè aveva appena fatto esami, aveva avuto un ottimo voto. Stava appunto uscendo dall’università, dal Monastero dei Benedettini, quando un proiettile le si è conficcato nella nuca, tra la seconda e la terza vertebra cervicale. Era diretto ad un altro quel proiettile, a un pregiudicato […]

Continua a leggere... Catania, sit in per Laura e contro la violenza mafiosa