del 14 August 2020 (di )

Anche Catania, come tutta la Sicilia, “sarà bellissima”. Parola di Nello Musumeci, che dedica in vero poca attenzione a rifiuti trabordanti, terrirori dissestati, coste depredate, abusivismo edilizio, che forse gli appaiono folcloristici e persino decorativi, e si concentra su

Continua a leggere... Santa Marta, chi decide e su che basi

Come mai, su 1500 domande per avere il ‘buono famiglia’, ne sono state esitate solo un centinaio? E’ accettabile che, ad agosto, si stiano ancora esaminando le domande pervenute nel mese di aprile? Gli interrogativi vengono

Continua a leggere... Buoni famiglia a Catania, il Sunia bacchetta il Comune

Le associazioni che operano a Librino, e da anni chiedono all’Amministrazione comunale una sede in cui svolgere le proprie attività, dovranno rassegnarsi ad attendere ancora a lungo. L’obiettivo, anche quando sembra

Continua a leggere... Villa Fazio a Librino, come ‘privatizzare’ un bene pubblico

La parolina magica, fino ad ora ignorata, ha fatto per la prima volta capolino tra le righe, anche se sommersa nel mare di espressioni soddisfatte (e di prospettive, come vedremo, irrealistiche) con cui il presidente Musumeci ha

Continua a leggere... Nuovo palazzo di Giustizia, Catania non deve sapere

Il progetto vincitore del concorso bandito per i nuovi Uffici Giudiziari di viale Africa, presentato ufficialmente ieri mattina, a giudicare dal rendering, appare arioso, lineare, aperto. Questo non fuga, tuttavia, i dubbi né sulla legittimità delle

Continua a leggere... Nuovi Uffici Giudiziari, i dubbi sul sottodimensionamento dell’opera

Un protocollo d’accoglienza che definisca i diritti di donne e uomini vittime del disagio sociale e abitativo. E che riguardi tutti, donne e uomini, bianchi e neri, italiani e stranieri. Lo chiedono al sindaco Salvo Pogliese e a Giuseppe Lombardo, assessore ai

Continua a leggere... Disagio abitativo, quattro domande al sindaco

Un organo consultivo dell’Amministrazione e un regolamento che stabilisce chi può farne parte: “di diritto i membri interni (il Sindaco o l’Assessore delegato; l’Avvocato Capo e il Segretario Generale) ed i membri esterni nominati dal capo dell’Amministrazione in numero di sei”. Il sindaco li sceglie su base fiduciaria e può in ogni momento revocare la […]

Continua a leggere... Comune di Catania, il dissesto non blocca le nomine

del 21 June 2020 (di )

Una città pulita, ordinata, con le aiuole curate e un evidente rispetto delle regole. Così vorremmo Catania, non con le auto parcheggiate in seconda o in terza fila, gli spazi attorno ai cassonetti trasformati in discariche, bottiglie e cartacce buttate in ogni angolo, pacchetti di

Continua a leggere... Ordine e decoro a Catania

Un campus universitario, un’area museale, una struttura dedicata al Covid 19. Sindaci, governatori, assessori propongono, a giorni alterni, brillanti soluzioni per l’utilizzo dell’ex Vittorio Emanuele, nel frattempo abbandonato all’incuria e al vandalismo. Eppure la

Continua a leggere... Ex Vittorio Emanuele, come sprecare uno spazio pubblico

Da qualche tempo, a Catania, l’Ufficio Urbanistica rilascia permessi di costruire a privati che intendono realizzare strutture commerciali o altre utilità private in aree destinate dal Piano Regolatore a servizi pubblici. Più di trenta associazioni e quasi cinquecento cittadine/i, in pochi giorni, hanno sottoscritto una

Continua a leggere... Lettera aperta al Sindaco di Catania: gli interessi privati non prevalgano sui diritti dei cittadini