logo-libera“Riprendiamoci il maltolto! – Gli sguardi nella memoria, le mani nell’impegno”. E’ il nome che il Cordinamento provinciale di “Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” ha voluto dare alla manifestazione che si è svolta ieri in Contrada Casa Bianca nella Piana di Catania (zona Sigonella-Comune di Belpasso). E’ qui, infatti, che si trovano alcuni terreni confiscati alla mafia e assegnati ai comuni in cui ricadono, in attesa della pubblicazione del bando per l’assegnazione definitiva a una cooperativa sociale.
Attualmente è in corso, da parte dello stesso coordinamento, un lavoro preparatorio per giungere alla costituzione di una cooperativa che possa ottenere la suddetta assegnazione.

L’iniziativa di ieri ha avuto, invece, soprattutto un carattere simbolico ed educativo. Ecco perché sono stati coinvolti, oltre alle associazioni di volontariato, gli alunni delle scuole, che hanno avuto l’opportunità di riflettere sull’importanza che ha per la collettività il fatto di potersi riappropriare di beni confiscati alla mafia e di poterli utilizzare ad uso sociale (come vuole la legge 109/96 promossa da Libera con una petizione e la raccolta di un milione di firme).
Sono stati scelti, per questa manifestazione, gesti di alto valore simbolico, come la lettura dei nomi delle vittime innocenti di mafia o la semina, in vasetti di terra, di lenticchie prodotte nei terreni di LiberaTerra nel corleonese, a rappresentare la riappropriazione dei terreni da parte della società civile.

Ecco i nomi delle scuole coinvolte: Martoglio di Belpasso, Ferraris e Galilei di Acireale, Motta S.Anastasia, Tomasi di Lampedusa di Gravina, D’Annunzio, Majorana, Vespucci di Catania, IPAA di Adrano, Boggio Lera di Catania, CD Belpasso, Morgagni di Roma

Le associazioni presenti: AddioPizzo, Centro Astalli, Mani Tese,  Gapa, Penelope, Misericordia S.G.La Punta e Belpasso, Scout Tremestieri.

Be Sociable, Share!

Tags: , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>